agosto 2, 2016

Settore Fotovoltaico

Nanotecnologia degrado Fotovoltaico

images (9)

idrorepellente vetro

Grazie alla nostra tecnologia il vostro fotovoltaico avranno successo, Nanotecnologia degrado Fotovoltaico.

I Vetri sono costituiti da materiali resistenti, tuttavia subiscono anch’essi delle forme di aggressione ad opera dell’ambiente.

Il fattore che gioca un ruolo primario nel processo di degrado è legato all’acqua in tutte le sue forme: soluzioni saline acide o basiche del terreno o del mare e vapore acqueo.

ELIMINIAMO SMOG E POLVERI SOTTILI

Lo smog, polveri sottili, inquinamento e calcare possono inoltre compromettere le caratteristiche di eleganza e di trasparenza tipiche del vetro e del vostro impianto fotovoltaico.

I costi legati a pulizia e manutenzione sono spesso notevoli con risultati talvolta deludenti sia in termini di aspetto che durata, soprattutto chiamare chi pulisce il fotovoltaico….non aiuta ad ammortizzare il guadagno.

Nanotecnologia degrado Fotovoltaico

La nanotecnologia è una delle principali innovazioni del 21° secolo anche nel settore del fotovoltaico. Un nano-rivestimento specifico per moduli fotovoltaici consente all’acqua piovana, o condensa, di ripulire i pannelli fotovoltaici da polveri e sporcizia grazie allo strato protettivo presente sui moduli.

Grazie alla Nanotecnologia degrado Fotovoltaico anche le particelle più fini non aderiscono ai moduli, permettendo alla luce solare di raggiungere in modo ottimale tutte le celle fotovoltaiche per la massima efficienza energetica. Il nano-rivestimento è particolarmente vantaggioso per gli impianti su tetti in aree afflitte da inquinamento, in aree agricole e industriali, ma anche per i sistemi solari a terra, particolarmente inclini al polline e polvere.

Fino al 7,5% in più di prestazioni grazie alla nano-coating – fotovoltaico

Il nanocoating offerto dal nostro partner garantisce un aumento del rendimento fino al 7,5 per cento – per almeno 15 anni!

Nanotecnologia degrado Fotovoltaico. permette ai moduli di essere mantenuti perfettamente puliti generando la massima energia, ma il rivestimento con nanotecnologia rende i moduli autopulenti, consentendo un risparmio sui costi di manutenzione e pulizia annuali. Il vantaggio è coperto da garanzia per almeno 15 anni, ma in verità il nanocoating dura molto più a lungo.

Un investimento ammortizzato in 2,6 anni – fotovoltaico

Il nano-rivestimento non è una soluzione limitata ai grandi parchi solari. Anche per piccoli impianti, l’uso di questo tipo di rivestimento è efficace e conveniente.

Tutti i tipi di impianti fotovoltaici hanno infatti costi di manutenzione e di pulizia. Grazie al risparmio ottenuto dal rivestimento dei pannelli fotovoltaici con “Nanotecnologia degrado Fotovoltaico” è possibile avere un ammortamento dell’investimento in soli 2,6 anni.

Questa tecnologia non permette solo un migliore rendimento del proprio impianto fotovoltaico, ma anche un notevole risparmio. Questa tecnologia è un vantaggio non solo per il tuo impianto fotovoltaico, ma anche per il tuo portafoglio.

4wardnanotech

Nanotecnologia degrado Fotovoltaico

4wardnanotech

PANNELLI FOTOVOLTAICI

4wardnanotech

PANNELLO FOTOVOLTAICO prima e dopo

Il nostro Protettivo ha la particolarità di fondersi a livello molecolare alle superfici vetrose. Le superfici trattate diventano repellenti all’acqua, allo sporco, al calcare e resistenti sia al gelo, (-35°) che alle alte temperature (fino a 450°) anche all’alta pressione (in caso di pulizia a vapore). Fotovoltaico e non

Vetri e nanotecnologia

vetro

idrorepellente vetro

4WardNanotech ha studiato un Prodotto 100% nanotecnologia specifico per cristalli  è progettato per chi fa molti km in autostrada.
Buona qualità e buona protezione contro sporco, moscerini ed escrementi.

Aumento dell’idrorepellenza, il vetro acquista proprietà autopulenti a contatto con l’acqua.

La pioggia non sarà più un problema perché scivolerà via velocemente. Già a 70 km/h ridurrete l’uso dei tergicristalli e in velocità la visibilità aumenta notevolmente.

download (5)

prima e dopo

download

prima e dopo